Vi avevo già parlato dei Sali di Schüssler e del loro utilizzo, oggi invece vorrei parlarvi di uno di questi Sali in particolare: il Ferrum Phosphoricum.

Il Ferrum Phosphoricum o Fosfato di Ferro è ritenuto un rimedio di emergenza in caso di numerosi disturbi, in particolare per la febbre (entro i 38°/38,5° C) e in caso di infiammazioni. E’ inoltre necessario nelle cellule, nei muscoli e negli organi più irrorati del nostro organismo (cuore, fegato, cervello), in molte ghiandole endocrine, nella parete e nei villi intestinali.
Nel nostro organismo il Ferro è un minerale importantissimo e deve essere integrato attraverso l’alimentazione. Il Ferro viene assorbito a livello del duodeno, dove si lega a proteine specifiche e viene immesso nel circolo sanguigno sotto forma di ferritina (che è la forma “trasportabile” del Ferro all’interno del nostro organismo), nel torrente sanguigno il Ferro di lega invece alla transferrina e ritorna nel fegato. A questo punto il Ferro, a seconda delle necessità, verrà inviato al tessuto muscolare in cui, grazie ad esso, avviene la sintesi della mioglobina oppure verrà inviato al midollo osseo rosso dove viene impiegato per la sintesi dell’emoglobina.

Ferrum Phosphoricum D12

Come Sale di Schüssler il Ferrum Phosphoricum si usa prevalentemente alla D12 (diluizione decimale omeopatica) ed è definito il sale della prima fase dell’infiammazione, quella caratterizzata dal rossore, quindi mucose infiammate e/o congestionate. Il Ferrum Ph. è il più usato dei 12 Sali insieme al Magnesium Phoshoricum ed è molto utile in caso di otiti, congiuntiviti e anemie. Una sua carenza si può tradurre in infiammazione dei tessuti, in particolare delle mucose (parliamo quindi di tonsilliti, congestioni nasali, congiuntiviti senza secrezione, bronchiti e sinusiti). Il Ferrum Ph. ha un’azione antipiretica e stimola il sistema immunitario. E’ un rimedio di pronto soccorso in caso di ferite (ovviamente si parla di escoriazioni e ferite lievi che non necessitano l’intervento medico), è utile in caso di slogature e contusioni poichè allevia il dolore muscolare. Il Ferrum Phophoricum è un buon rimedio per regolarizzare disturbi quali diarrea e costipazione, se infatti il fosfato di ferro manca nei villi intestinali questi potrebbero non riuscire a compiere a pieno la loro funzione di assorbimento e dare dunque luogo ad episodi di diarrea.

Il Ferrum Phosphoricum si può usare da solo o insieme ad altri Sali. Le compresse dei Sali di Schüssler si sciolgono solitamente sotto la lingua, ma tutti i Sali definiti “Phosphoricum”, andrebbero sciolti in un po’ di acqua calda e così bevuti, per garantirne l’assimilazione.